Rettifica per oscillazione: il nuovo processo EMAG per ridurre i tempi dei processi di rettifica particolarmente complessi

19/12/2016 - Markus Isgro

La rectification pendulaire avec des temps secondaires réduits

Lo sterzo delle automobili è da anni al centro dell'attenzione degli sviluppatori. Da un lato, viene dotato di numerosi sistemi di assistenza alla guida. Dall'altro, i conducenti sono alla ricerca di sempre maggiore precisione nella risposta dello sterzo. Partendo da questi presupposti anche la produzione dei componenti dello sterzo varia, in quanto deve avvenire in modo ancora più efficiente e preciso. Ce lo dimostrano elementi particolarmente complessi come le madreviti, che richiedono un processo di rettifica particolare per garantire un collegamento perfetto tra vite senza fine e madrevite e quindi un rendimento elevato.


Riduzione dei tempi morti grazie a una temporizzazione innovativa
Una innovativa macchina di EMAG ci aiuta a comprendere come, date queste premesse, anche la tecnologia di produzione cambi. La VLC 250 PDS è stata sviluppata per conto di un cliente specificamente per la rettifica delle madreviti, tuttavia in futuro potrà essere impiegata con successo nell'ambito di diversi processi di rettifica a due fasi. L'innovativa temporizzazione mediante due mandrini pick-up posizionati lungo un asse assicura tempi morti estremamente ridotti: mentre il primo mandrino pick-up da una parte preleva il pezzo dal dispositivo di alimentazione ad esso assegnato e lo trasporta al relativo tastatore di misura della macchina, il secondo mandrino pick-up si trova già nell'area di lavoro e trasporta la madrevite ad entrambi i mandrini portamola (dove ha luogo il processo di rettifica a due fasi).

L'importanza del corretto posizionamento
Quali sono i vantaggi di questo approccio? La risposta è strettamente legata al corretto posizionamento del componente nella macchina: prima che possa avere luogo il processo di rettifica vero e proprio, il profilo interno del componente deve essere allineato per consentire l'applicazione del mandrino portamola allo scarico del filetto, un processo che richiede tempo. "Su tale base abbiamo optato per un sistema perfettamente temporizzato, dove la misurazione e il posizionamento di un primo componente e la lavorazione di un secondo vengono eseguiti in parallelo. Ciò consente di ridurre al minimo i tempi morti non produttivi", spiega Marina Manger del reparto vendite di EMAG.

Nuovi componenti in primo piano
I costruttori denominano questo approccio innovativo, interamente basato sull’elevata efficacia dei componenti della macchina, "rettifica per oscillazione". I due mandrini pick-up, ad esempio, sono collocati su slitte a croce particolarmente robuste. Inoltre, il potente motore lineare sull'asse X garantisce valori di accelerazione elevati. L'alta qualità richiesta ai pezzi viene invece assicurata dalla lavorazione tipica di EMAG in un'unica fase di serraggio. È evidente che in futuro questo tipo di macchina potrà trovare impiego in vari campi di applicazione che prevedono processi di rettifica a due fasi. "I processi di produzione che possono beneficiare dell'innovativa temporizzazione con due mandrini pick-up sono numerosi", spiega Marina Manger. In futuro, intendiamo rafforzare la nostra posizione di mercato puntando sempre di più su questi vantaggi."

Referenti

Markus Isgro

Press and Communication

Telefono:+49 7162 17-4658
Fax:+49 7162 17-4027
E-mail:communications@emag.com