PECM EMAG: drastica riduzione dei tempi di processo nella costruzione di utensili

12/05/2016 - Markus Isgro

L'utilizzo di utensili particolarmente complessi è indispensabile in diversi settori della produzione in serie. Tali utensili sono spesso prodotti come singole unità con stampi e profili ben precisi. La lavorazione elettrochimica di precisione dei metalli (PECM) di EMAG stupisce in modo particolare proprio in quest'ambito.


Tecnologia PECM: vantaggi rispetto al processo di erosione
Gli utensili e gli stampi impiegati nella pressa o nella punzonatrice sono sottoposti a sollecitazioni elevate. Per questo motivo vengono prodotti rinforzandoli con materiali resistenti alle alte temperature, la cui durezza garantisce fondamentalmente la durata utile richiesta agli utensili. La questione però è un'altra: com'è possibile lavorare questi materiali con precisione? In questo caso, i processi ad asportazione di truciolo incidono progressivamente sul limite di fatica, riducendo sempre più la vita utile della fresa.

Processo di erosione o tecnologia PECM?
Sulla base di queste premesse, le realtà industriali specializzate nella costruzione di utensili si orientano spesso verso il processo di erosione. In questo caso l'asportazione di materiale avviene attraverso una scarica elettrica tra un elettrodo e il pezzo. L'erosione tuttavia presenta un grande svantaggio, dato dai tempi. Inoltre, in questo caso il calore viene immesso direttamente nel pezzo con ripercussioni negative sulla vita utile dello stampo prodotto. In questo contesto la tecnologia PECM di EMAG rappresenta un'alternativa eccellente. Dato che mediante questo processo il calore non viene immesso direttamente nel pezzo, si ottengono superfici di massima qualità, senza bavature né modifiche nella struttura del materiale. Inoltre, a differenza dell'erosione, in questo caso l'usura dell'utensile è minima.

Notevole riduzione dei tempi di processo
Il processo può essere facilmente spiegato a grandi linee nel modo seguente. Il pezzo svolge qui la funzione di anodo positivo, mentre l'utensile è il catodo negativo. Tra i due scorre una soluzione elettrolitica, e gli ioni di metallo si separano dal pezzo. La forma dell'utensile viene scelta in modo tale che l'asportazione di materiale sul pezzo dia come risultato il profilo desiderato del componente finito. La tecnologia PECM rappresenta un ulteriore sviluppo di EMAG in grado di assicurare un'asportazione del materiale particolarmente efficace e una significativa riduzione dei tempi di processo.

Attualmente il processo viene testato per la realizzazione di stampi per fucinatura per la produzione in grande serie nel settore automobilistico. Rispetto all'erosione, in questo caso si è riusciti a ridurre il tempo di processo da 6 a 1,2 ore. Inoltre, si stima un aumento della vita utile dello stampo per fucinatura finito pari al 20-30%. Ciò comporta ovviamente una significativa riduzione dei costi nell'ambito della produzione automobilistica – ed EMAG ECM intende rafforzare la nostra posizione di mercato puntando proprio su questo notevole vantaggio. "Il settore della costruzione di utensili e stampi è chiamato a standardizzare ulteriormente i propri processi. Per questa ragione, la loro durata torna di nuovo in primo piano. La tecnologia PECM offre vantaggi che gli utilizzatori non potranno certo ignorare", conclude Richard Keller, membro del direttivo di EMAG ECM.

Vantaggi: 

  • Riduzione della durata della lavorazione grazie alla tecnologia PECM
  • Superfici di altissima qualità
  • Nessuna modifica nella struttura del materiale

È possibile ottenere maggiori informazioni sulla tecnologia PECM qui...

Referenti

Markus Isgro

Press and Communication

Telefono: +49 7162 17-4658
Fax: +49 7162 17-4027
E-mail: communications@emag.com

Immagini